IL TITANIC - raffaele staiano

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL TITANIC


Il TITANIC ha rappresentato un passo epocale nelle costruzioni navali e un punto di svolta per la sicurezza in mare, come in ogni grossa tragedia ha aperto le coscienze degli uomini ed indotto a norme più vicine alla salvaguardia della vita umana in mare.
Il disastro del Titanic ha permesso che altre tragedie fossero evitate e indotto l'uomo al rispetto e al timore verso IL MARE soprattutto se visto da una nave, per quanto TITANICA essa possa essere.

L'ingegneria navale ha commesso con il Titanic uno dei più grossi peccati di presunzione che si ricordi. L'esplicita arroganza con cui ha sfidato la natura non ha precedenti.

IL NOME

Nessun uomo di mare avrebbe chiamato la sua nave TITANIC se non in senso di sfida al mare. Spezzando così quel profondo senso di superstizione e di rispetto che la gente di mare nutre da sempre verso gli elementi perché ne ha imparato a conoscere la potenza.
I TITANI nella mitologia greca erano divinità potentissime che dal loro regno terreno osarono sfidare Zeus e l'Olimpo. Vennero sconfitti e relegati per l'eternità nelle viscere della Terra. Il simbolo della potenza umana sul mare, il Titanic, sarebbe stato condannato alle viscere del mare.

NESSUNA SUPERSTIZIONE

Sulla nave era stata infatti posta la scritta: "Nemmeno Dio può affondarmi
".
Poco più di due ore sono state sufficienti per condannarlo all'abisso nel suo viaggio inaugurale, con un carico di morte immenso, 1498 vite umane.

NESSUNA PRUDENZA

Le condizioni in cui navigava la sera del 14 Aprile 1912 richiedevano prudenza, velocità adeguata, allerta. Ogni avviso Iceberg venne ignorato
. Il Coronia, il Noordam, il Baltic, l'Amerika, il Californian, il Mesaba, tutte navi che incrociavano in quel tratto, segnalarono presenze di grossi Iceberg lungo la rotta del Titanic a poche ore dell'impatto.

SFORTUNA

Che la sera del 14 Aprile 1912 la fortuna abbia girato le spalle al TITANIC è certo. A bordo era presente un gruppo di marinai addestrato alla sorveglianza della rotta: ricevevano anche un compenso particolare per questa funzione, ma la cassa dei loro binocoli venne persa a Southampton nell'operazione di imbarco. E' probabile che un'accostata in anticipo 10 secondi avrebbe salvato il Titanic. Un ritardo di altri 10 secondi avrebbe permesso l'impatto con l'iceberg con la sua robusta prua provocando danni sicuramente meno gravi, invece scivolò sul ghiaccio con il suo fianco destro che venne squarciato per più di 90 metri.

Raffaele Staiano


 



I DISEGNI ORIGINALI DEL TITANIC


LA COSTRUZIONE ED IL VARO

IL PROGETTISTA DEL TITANIC

LE CAUSE TECNICHE DEL DISASTRO


GLI ULTIMI ISTANTI SUL TITANIC

I GIORNALI DELL'EPOCA

LA LISTA ORIGINALE DEI PASSEGGERI

IL RELITTO

 L'ICEBERG DEL TITANIC

LE DUE GEMELLE DEL TITANIC



INTERVISTA  R. Staiano  SKY TG24


Alcune delle informazioni presenti in queste sezioni
hanno come fonte il sito:
www.titanicdiclaudiobossi.com


ALCUNI NUMERI DEL TITANIC

268,83
.......Metri: la lunghezza.
28,40
.........Metri: la larghezza.
31
..............Metri: l'altezza, dal bordo libero.
53,34
.........Metri: dalla chiglia alla cima dei fumaioli.
18
..............Metri: dalla linea di galleggiamento alle imbarcazioni.
9
................Il numero dei ponti.
24
..............Nodi: la velocità massima.
4
................I fumaioli
24,68
.........Metri, l'altezza dei fumaioli dal ponte.
46.328
.......Tonnellate, di stazza lorda.
21.831
.......Tonnellate era viceversa la stazza netta.
59.052
.......Tonnellate peso nave a carico completo.
1.004
.........Tonnellate in più del TITANIC rispetto alla gemella .. ..................Olympic

3.000.000..Di Rivetti pari a
1200
..........Tonnellate, furono impiegati.
46
..............Centimetri erano alte le lettere con il nome TITANIC, ..................situate a prua della nave.
46.000
.......HP, potenza installata
29
..............caldaie
54
..............bifronti e
5
................monofronti, che contenevano
159
............focolari.
100
...........Tonnellate il peso di ciascuna caldaia.
825
...........Tonnellate di carbone/giorno il consumo.
101
...........Tonnellate il peso del timone.
3
...............Eliche
22
.............Tonnellate il peso dell'elica centrale,
5
...............Metri il diametro dell'elica centrale;
38
.............Tonnellate il peso di ognuna delle eliche laterali
7
...............Metri il diametro di ciascuna delle eliche laterali
413
...........Tonnellate Il peso del motore della turboelica;
2
...............i condensatori principali del motore della turboelica.
77
.............Giri/motore al minuto dei motori a triplice espansione
127
...........Giri al minuto della turbina a vapore a bassa pressione
3.547
........Numero autorizzato tra passeggeri ed equipaggio.
3.560
........Salvagenti individuali a bordo.
64
.............Le scialuppe previste dal progetto originario
16
.............Le scialuppe installate
1.178
........Posti sui mezzi di salvataggio in totale.
23%
.........In più di quanto era richiesto dalle norme dell'epoca
2.369
........Posti in difetto.
15
.............Paratie traversali stagne
16
............Compartimenti "a prova d'acqua"
12
............Le porte a tenuta stagna.
1,83
.........Metri l'altezza doppio fondo per tutta la lunghezza nave
4
..............Dinamo
400
..........kilowatt, potenza di ciascuna dinamo
10.000
.....Lampadine alimentate.

IL COSTO DEL TITANIC

1.500.000
.........Sterline nel 1909
7.500.000
.........L'equivalente in dollari, nel 1909
460.000.000
.....L'equivalente in euro nel 2009

ALCUNE DATE IMPORTANTI

06/09/1869
.....Nasce la White Star Line.
31/07/1908
.....Venne firmata la lettera-contratto per la
.........................
costruzione della Royal Mail  Steamer TITANIC.
16/03/1909
.....Nei cantieri Harland & Wolff di Belfast, venne
.........................
posta la prima lastra della chiglia del TITANIC.
31/05/1911
.....La cerimonia del varo.
02/04/1912
.....Il TITANIC salpò da Belfast per i collaudi in mare
06/04/1912
.....Si completò l'equipaggio e venne stivato il carico
08/04/1912
.....Vennero caricate le scorte alimentari
10/04/1912
.....Mercoledì, il giorno della partenza.
11/04/1912
.....Il TITANIC arrivò sulla costa meridionale............ .........................dell'Irlanda
14/04/1912
.....La fatidica domenica della collisione.
15/04/1912
.....Ore 2,18 Il TITANIC si spezzò tra il terzo e il
.........................
quarto fumaiolo e le luci si spensero,
.........................
2 minuti dopo scomparse.
14/07/1986
.....Venne ritrovata, pressoché intatta, la prua del
.........................
TITANIC,la cui punta era sprofondata di 18 metri
.........................
nel limo, e giaceva ad una profondità di 3.810
....................... .
metri sul fondo dell'oceano. Il tronco prodiero
.........................
dista 609 metri dalla sezione di poppa,
.........................
completamente squarciata.


 

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu