M/N Bruno Gregoretti CP 920 - LE PROVE IN MARE - raffaele staiano

Vai ai contenuti

Menu principale:

M/N Bruno Gregoretti CP 920 - LE PROVE IN MARE

NUOVE COSTRUZIONI
 
 
 
 
 
 
 
 


......................................................Martedì 19 Marzo 2013.......................................................

- La Nave Bruno Gregoretti -
Lascia l'ormeggio per la prima uscita in Mare

 
 
 
 



 
 
 




 
 



Velocità contrattuale 15 Nodi

Prove preliminari - Nessun carenaggio ( Carena in acqua da 7 mesi, Elica pulita in immersione)

Velocità raggiunta:
mare di prua 15.0 Nodi
mare di poppa 15.4 Nodi


 
 
 
 

Pres. Izzo - Amm. Persenda - C.V. De Vico -  Ing. Staiano



...La progettazione e la costruzione di una nave è qualcosa che non impegna solo il normale lavoro quotidiano ma sfocia nella passione più vera, nel sacrificio continuo del tempo libero o del sonno notturno, nell'infaticabile desiderio di vedere l'oggetto diventare vivo, essere sicuro, affidabile, diventare ciò che è stato pensato potesse essere, qualcosa comunque di immenso nelle dimensioni e nella complessità. Tutto ciò richiede professionalità che non può essere improvvisata né inventata. Perché una nave è una piccola cittadina che deve galleggiare, muoversi, alimentarsi, proteggersi (dall'interno e dall'esterno), offrire sicurezza, comfort e vivibilità agli uomini e alle donne che su di essa passeranno ogni minuto della loro giornata. Dovrà muoversi in situazioni climatiche mutevoli ed avverse e non potrà che contare sulle sue caratteristiche, spesso lontana centinaia di miglia da ogni porto. Tutto ciò può essere realizzato, solo se ogni uomo impegnato, cede il proprio testimone leggermente al di là delle sue competenze o se riesce a correre in tandem con colleghi di società diverse e spesso concorrenti, il più delle volte di nazioni diverse, di culture diverse, con modi di lavorare profondamente differenti.
La progettazione e la costruzione di una nave è qualcosa che misura gli uomini che vi lavorano oltre ogni dire e l'ottenimento del successo finale non produce gloria o ricchezza ma soltanto il compimento del proprio lavoro.

...Raffaele Staiano...

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu